Chi beve birra..

Campa cent’anni! Almeno così dice il proverbio..

Secondo uno studio del Gruppo di Immunonutrizione del Consiglio Superiore di Ricerche scientifiche spagnolo, ci potrebbe essere un fondo di verità, sembrerebbe infatti che chi consuma in quantità moderata bevande fermentate sia più protetto dalle infezioni.
La combinazione di alcol, antiossidanti, vitamine e minerali contenuti nella birra sembra abbia un effetto positivo sul sistema immunitario, soprattutto femminile.

La birra ha un forte potere antiossidante e anti-invecchiamento: grazie ai polifenoli contenuti, previene l’invecchiamento della pelle, agisce contro i radicali liberi e contrasta dunque l’insorgere di malattie cardiovascolari.

Secondo i dati dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova, la pianta del luppolo e le infiorescenze utilizzate nel processo di birrificazione contengono diversi tipi di flavonoidi prenilati che hanno mostrato proprietà antitumorali in sistemi sperimentali di laboratorio.beer_rszd

Ma non fa ingrassare?

No: la birra non fa ingrassare. La birra, infatti, ha meno calorie di un succo di frutta. In 100 grammi di birra comune, la classica bionda, sono contenute appena 34 calorie, meno di un succo d’arancia o di carote (che ne hanno 35) e molte di meno rispetto ai succhi di frutta tradizionali (56 calorie).

Quello che fa ingrassare è l’alcol contenuto in essa: dopo un sorso di birra, il 20% dell’alcol entra in circolo, in quanto assorbito dallo stomaco, per poi passare rapidamente al fegato, dove viene scomposto. Durante questo processo si liberano scorie chiamate acetato e acetaldeide. Nel momento in cui il cervello si accorge della presenza di queste sostanze, ordina al corpo di smettere di bruciare i grassi, e dato che il corpo è in grado di elaborare solo 15-30 ml di alcol per ora, tutto quello che viene introdotto in più, rischia di trasformarsi in grasso.

Chi beve birra dunque di solito ingrassa più per lo stile di vita e le abitudini alimentari sbagliate, che per la birra in sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*